Türkantonio...

cvaleros:

Air Kapadokya in Turkey (October 2014)

cvaleros:

Air Kapadokya in Turkey (October 2014)

(bellarose357 gönderdi)

c-apitalist:

 Suspension cage for Babies - 1930

c-apitalist:

 Suspension cage for Babies - 1930

(beauobscurite gönderdi)


Apple Blossoms, C.1919 (John Chislett)

Apple Blossoms, C.1919 (John Chislett)

(beauobscurite gönderdi)

istanbulperitaliani:

Joan Miró. Kadınlar, Kuşlar, Yıldızlar
Al Sakıp Sabancı Müzesi di Istanbul dal 23 Settembre fino al 1 Febbraio del 2015 é in corso un grande evento artistico e culturale: “Joan Miró. Donne, Uccelli, Stelle”.
Sculture, pittura a olio, tempera, acrilici, litografie e incisioni per un totale di 125 opere, oltre ai libri e agli oggetti personali appartenuti all’artista spagnolo e che fanno parte dell’ambita collezione di famiglia a Maiorca e della Miró Foundation.
Dopo aver ospitato dal 2005 artisti come Picasso, Rodin, Abidin Dino, Salvador Dali, Rembrandt, Monet e Anish Kapoor l’anno scorso,il Sakıp Sabancı Müzesi é ormai diventato uno dei centri espositivi che contribuiscono a rendere Istanbul un punto di riferimento per i grandi eventi artistici mondiali.
Il museo si trova nella suggestiva zona di Emirgan. Magari dopo la visita alla mostra potete fare una splendida passeggiata lungo le rive del Bosforo ed arrivare al bellissimo Parco di Emirgan. 
Il Sakıp Sabancı Müzesi é aperto tutti i giorni (tranne il lunedi) dalle 10:00 alle 18:00 mentre il mercoledì chiude alle 20:00. Il costo del biglietto é di 20 Lire Turche (meno di 7 euro). Sono previste riduzioni per studenti. 
Ogni sabato e domenica, è possibile partecipare al tour gratuito alle ore 11.00 e 14.00.
Seguici anche su www.facebook.com/istanbulperitaliani

istanbulperitaliani:

Joan Miró. Kadınlar, Kuşlar, Yıldızlar

Al Sakıp Sabancı Müzesi di Istanbul dal 23 Settembre fino al 1 Febbraio del 2015 é in corso un grande evento artistico e culturale: “Joan Miró. Donne, Uccelli, Stelle”.

Sculture, pittura a olio, tempera, acrilici, litografie e incisioni per un totale di 125 opere, oltre ai libri e agli oggetti personali appartenuti all’artista spagnolo e che fanno parte dell’ambita collezione di famiglia a Maiorca e della Miró Foundation.

Dopo aver ospitato dal 2005 artisti come Picasso, Rodin, Abidin Dino, Salvador Dali, Rembrandt, Monet e Anish Kapoor l’anno scorso,il Sakıp Sabancı Müzesi é ormai diventato uno dei centri espositivi che contribuiscono a rendere Istanbul un punto di riferimento per i grandi eventi artistici mondiali.

Il museo si trova nella suggestiva zona di Emirgan. Magari dopo la visita alla mostra potete fare una splendida passeggiata lungo le rive del Bosforo ed arrivare al bellissimo Parco di Emirgan. 

Il Sakıp Sabancı Müzesi é aperto tutti i giorni (tranne il lunedi) dalle 10:00 alle 18:00 mentre il mercoledì chiude alle 20:00. Il costo del biglietto é di 20 Lire Turche (meno di 7 euro). Sono previste riduzioni per studenti. 

Ogni sabato e domenica, è possibile partecipare al tour gratuito alle ore 11.00 e 14.00.

Seguici anche su www.facebook.com/istanbulperitaliani

(anarcoholic gönderdi)

istanbulperitaliani:

Immagina una carovana. Lasciati trasportare dalle fraganze dei secoli. Prova ad ascoltare il suono di diecimila parole pronunciate in tutte le lingue del pianeta. L’odore del mare e di paesi che non vedrai mai. Troppo grande il mondo per percorrerlo a piedi, centimetro dopo centimetro, in una sola Vita.
A questo servono le spezie: a legarti alla Terra da quando hai smesso di camminare a piedi nudi. A ricordarti che il profumo é il fratello del respiro.
Questa volta non ti parlerò di come usare le spezie mentre cucini, di come ho imparato ad utilizzarle da quando vivo in Turchia. Non avrebbe senso.
Continua a sognare.
Istanbul. 
Seguici anche su www.facebook.com/istanbulperitaliani

istanbulperitaliani:

Immagina una carovana. Lasciati trasportare dalle fraganze dei secoli. Prova ad ascoltare il suono di diecimila parole pronunciate in tutte le lingue del pianeta. L’odore del mare e di paesi che non vedrai mai. Troppo grande il mondo per percorrerlo a piedi, centimetro dopo centimetro, in una sola Vita.

A questo servono le spezie: a legarti alla Terra da quando hai smesso di camminare a piedi nudi. A ricordarti che il profumo é il fratello del respiro.

Questa volta non ti parlerò di come usare le spezie mentre cucini, di come ho imparato ad utilizzarle da quando vivo in Turchia. Non avrebbe senso.

Continua a sognare.

Istanbul

Seguici anche su www.facebook.com/istanbulperitaliani

(anarcoholic gönderdi)